Donazioni e Lasciti Testamentari - Fondazione Elena Sapio onlus

Fondazione Elena Sapio logo
Fondazione Elena Sapio  onlus
Ente Morale (decr.Min.Int. 10/06/1992)
(*) Efficacia del 100% : tutte le donazioni dei sostenitori sono destinate interamente ai progetti da questi indicati, secondo la volontà espressa. In mancanza di specifica volontà, l'intero importo donato sarà a favore del progetto principale in corso di realizzazione.
Fondazione Elena Sapio - gocce nel mondo

il tuo 5 x 1000... a te non costa nulla ma... con l'efficacia del 100% può fare grandi cose...

Percé chi chiede abbia una Speranza...
Vai ai contenuti

Donazioni e Lasciti Testamentari

Come partecipare
Il testamento è un atto che ti consente di diporre dei tuoi beni a favore delle persone a te più care.
E' anche possibile contribuire ai nostri progetti, anche futuri, attraverso un lascito testamentario con il quale si possono donare alla Fondazione beni di qualsiasi natura: beni immobili (es.: case, terreni o porzioni delle stesse) e/o beni mobili (es.: oggetti determinati, titoli, valori, liquidità, crediti, etc) indicandoli con precisione nel testamento.
Con questa scelta si può disporre che la Fondazione divenga "erede" (se la disposizione testamentaria riguarda l'universalità dei beni o una parte) o legataria (se la disposizione riguarda uno o più beni specifici).
Nel caso di designazione della Fondazione Elena Sapio onlus come erede, l'accettazione dell'eredità dovrà necessariamente avvenire  "con beneficio di inventario".
La disposizione testamentaria, espressa in qualsiasi forma, è revocabile in ogni momento.
E' quindi possibile, qualora si cambi idea per qualsiasi ragione, modificare il contenuto del proprio testamento e disporre nuovamente dei propri beni a favore di terzi.
In caso di "testamento olografo" (vedi in seguito), ogni successiva aggiunta o variazione deve essere scritta, datata e sottoscritta dal disponente di proprio pugno.
E' possibile apportare modifiche anche scrivendo in calce al documento già redatto: è però necessario apporre la data delle modifiche e sottoscrivere nuovamente.
In assenza di testamento il tuo patrimonio potrebbe essere diviso tra parenti fino al sesto grado o, in loro assenza, attribuito direttamente allo Stato.
Quale forma può avere il testamento ?
Il testamento può essere "pubblico", essere cioè redatto alla presenza di due testimoni (che non devono essere nè parenti nè beneficiari del testamento), oppure può essere "olografo", essere cioè redatto, datato e sottoscritto (con nome e cognome) interamente dal disponente di proprio pugno su un semplice foglio di carta.
Nel caso del testamento "olografo" è assolutamente necessario fare attenzione al rispetto della forma in quanto, in assenza di uno dei requisiti suddetti, il testamento è nullo.
Mentre nel caso del testamento per atto di notaio vi è maggiore certezza del rispetto delle volontà del disponente, nel caso del testamento "olografo" bisogna considerare che lo stesso vada, anche se accidentalmente, perduto o venga distrutto o sottratto.
Per evitare che questo accada, è possibile depositare l'originale del testamento presso un notaio, conservandone una copia.
Può essere opportuno avvertire una persona di fiducia dell'avvenuta redazione del testamento e dell'avvenuto deposito dello stesso, ed eventualmente consegnare alla medesima persona un secondo originale del documento.
Si può disporre liberamente ed interamente dei propri beni ?
Bisogna ricordare che l'unico limite nel disporre delle proprie sostanze è indicato dalla legge (artt. 536 e segg. Codice Civile): infatti   alcune quote del patrimonio ereditario sono riervate a determinati soggetti, detti " leggittimari": il coniuge, i figli (legittimi, naturali, legittimati o adottivi) o loro discendenti e, solo in caso non vi siano discendenti legittimi o naturali, gli ascendenti legittimi (genitori in vita).
Un testamento che determinasse la lesione dei diritti riservati ai "legittimari", sarebbe valido, ma potrebbe essere impugnato e reso parzialmente inefficace: è opportuno evitare che ciò avvenga e si consiglia quindi di rivolgersi ad un legale o ad un notaio di fiducia o, alla Fondazione stessa, per avere informazioni maggiori sulla situazione specifica.
-
Fondazione Elena Sapio  onlus Ente Morale (decr.Min.Int.10/06/1992)
Via Luigi Caldieri, 2 - 80128 - Napoli - Italy - UE
c.f. 059 670 906 39  -  tel./fax +39 0815798187  -  info@fondazioneelenasapio.org
CCP 1992 48 02 - Banco Popolare IT61 C 05034 03408 0000 0000 1240
Torna ai contenuti